1-giardino-senza-prato-img-1
1-giardino-senza-prato-img-2
1-giardino-senza-prato-img-3
1-giardino-senza-prato-img-4
1-giardino-senza-prato-img-5
1-giardino-senza-prato-img-6
1-giardino-senza-prato-img-7
1-giardino-senza-prato-img-8
1-giardino-senza-prato-img-9

Da tempo i proprietari desideravano riorganizzare gli spazi esterni del piccolo giardino cui si accedeva dalla cucina.
Il dubbio maggiore era se tenere o meno il prato, visto che a causa dell’ombreggiamento provocato dai palazzi e dell’intenso calpestio si era provato più volte a rifarlo ma con risultati effimeri.
Si è quindi optato per l’eliminazione dell’erba e la creazione di un’area polivalente da sfruttare per le cene all’aperto e per i momenti di relax. La scelta degli elementi focali (statue e fontane retro illuminate) e dell’illuminazione notturna ha consentito di creare un ambiente interessante e fruibile anche dopo il tramonto.
Le specie vegetali sono tutte a bassa manutenzione, come ad esempio i bossi, il falso gelsomino, le yucche, oltre a fioriture stagionali in vaso (gerani) e piccoli alberi (acero palmato).